E- Commerce nella Federazione Russa

Come in tutto il Mondo la Federazione Russa e il suo popolo non e' da meno nelle scelte future.

Lo sviluppo di internet dei social, delle numerose piattaforme online e delle applicazioni per telefoni e smartphone sono solo l'inizio di un grande cambiamento del commercio internazionale.

Il tipico consumatore Russo e' tecnologico e multitasking. L’uso quotidiano di tante app e servizi digitali per ogni occasione o bisogno è parte integrante della sua vita. Non ha tempo da perdere e ama l’ottimizzazione in tutto. In altre parole vuole trovare subito quello che cerca. Applicato al nostro argomento, questo significa che l’azienda italiana, prima di tutto, deve essere presente su (segmento russo di Internet) e farsi trovare facilmente. Sia sui motori di ricerca, sia sui social.

Inoltre, se il consumatore russo contatta l’azienda tramite il sito, si aspetta una risposta alla sua richiesta entro 24 ore. È abituato ad essere viziato ed ama essere coccolato: dopo la crisi del 2014, offrire al cliente bonus e regali (che siano offline o online) è diventato un must. Per finire, il cliente russo è sospettoso: ad esempio, nei confronti dei pagamenti online, necessita di maggiori sicurezze e garanzie.

Nei nostri piani di sviluppo a breve termine abbiamo in cantiere un progetto di negozio online dove il potenziale cliente Russo potra' acquistare, attraverso il nostro sito I prodotti offerti dai nostri produttori associati.

Stiamo organizzando con nostri Partner tutto un sistema di pagamento online con ritiro in Italia dal produttore e consegna diretta al cliente finale in Russia.

Si tratta di ridurre I costi e I tempi di trasporto e sdoganamento per offrire un servizio ottimale.

Grossi gruppi come Amazon, Ebay, Aliexspress fanno da padroni in questo mercato, pero' noi siamo convinti che il Vero Made in Italy lo producono in Italia gli Italiani e lo venderanno gli Italiani In Russia..

Autore

Roberto Bruno

Un Negozio a Mosca in centro di 200 metri quadrati ha un costo di affitto mensile di almeno 20000 Euro calcolando un arredamento minimalista ci vogliono altri 12000 Euro. Spese per il personale minimo (1 cassiere 1 commesso 1 manager 1 facchino 1guardia. 1 donna delle pulizie)

stipendio medio di 600 Euro al mese + 200 di contributi e assicurazione = 4800.


I calcoli sono presto fatti 24800 Euro mensili + dividiamo la spesa dell'arredamento per 12 mesi e otteniamo 25800 mensili per un Negozio in cento a Mosca .(21.000.000 di abitanti)

Se dividiamo questa cifra per il numero delle Regioni Italiane otteniamo 1290 Euro al Mese per 10 metri quadrati diviso 10 produttori per Regione 129 euro per un metro quadrato di negozio di soli Prodotti Italiani in Centro a Mosca Una specie di Cooperativa dove i soci potrebbero esporre e vendere direttamente i loro prodotti senza intermediari senza sconti distribuzione seza rischio di grossi magazzini.


Ci sono Aziende che hanno pagato bonus entrance fee (10000Euro) per mettere i loro prodotti in un scaffale sperduto nel supermercato dell'Auchan.


La grossa differenza Tra un supermercato e un negozio tematico e che nel negozio si possono organizzare degustazioni tematiche Regionali, master class con i prodotti in vendita incontri con clienti delle regioni Russe.


Tutto questo lo scrivo per dire a tutte le aziende Italiane che cercano da sole di vendere i loro prodotti in Russia, o hanno grossi capitali da investire e rischiare senza per altro garanzia di vendita oppure si devono unire in un gruppo e insieme costruire un progetto.


Portare un pallett di prodotti dall'Italia alla Russia Groupage costa 600 Euro, Un Container da 22 palett costa 4000 Euro. Ogni produttore potrebbe spedire un bancale risparmiando 400 euro.


Vendere i Prodotti Italiani In Russia e' difficile per il cambio Euro/Rublo ma sopratutto per le troppe mani in cui passa il prodotto ( ognuna con un ricarico min. del 20%).

Trasporto, dogana, importatore, distributore, magazzino, retail, cliente finale.                                      Nel Nostro caso l'importatore sarebbe gia' il Negozio con cliente finale.

Riflettete bene e Poi Uniamoci

Autore
Roberto Bruno


Questo scritto lo dedico a tutte quelle aziende Italiane che hanno gia' provato ad attaccare il mercato della Federazione Russa.

Il primo errore e' "attaccare". La Russia Va conquistata come una Bella Donna non va' attaccata come un qualsiasi nuovo mercato da riempire con i vostri prodotti.

Qui di prodotti ce ne sono anche troppi qui si trova di tutto che proviene da tutto il Mondo,oltre ai prodotti stessi Russi.

Quindi fate questo Ragionamento da Latin Lover Italiano:

Prendete in mano il Vostro prodotto qualunque sia e guardatevi allo specchio e fatevi questa domanda:

Perche' questa Bella e Ricca Donna di Nome Russia, Dovrebbe comprare il Mio Prodotto?

Se avete la risposta siete gia' a buon punto del vostro business.

Dopo questo prologo parliamo di realta sul campo.

Quelle aziende che vengono in fiera a Mosca o a San Pietroburgo 3 giorni e spendono 30.000 Euro con la speranza di trovare un distributore che compri un container di merce alla settimana, di solito tornano a casa con 20 biglietti da vista di "Interessati" al prodotto e il numero di telefono di qualche bella ragazza conosciuta in albergo.

Quelle aziende che non uscendo allo scoperto dalla loro zona di produzione trovano una ragazza Ucraina o Moldava la mettono in ufficio e con quattro telefonate e due mail pensano di trovare un distributore che ritiri tutta la loro produzione in una volta sola di solito finiscono con lasciare la propria moglie e fanno un paio di figli con la segretaria Moldava.

Quelle aziende che spediscono in Russia i loro manager in ricerca di clienti attraverso i forum organizzati da enti statali Italiani dei quali non faccio i nomi. Fanno solo la felicita di questi manager che si fanno due settimane di trasferta a spese dell'azienda.

A questo punto torniamo alla domanda dello specchio, e Vi accorgerete fin dall'inizio che forse prima di partire per avventure costose e poco profique forse bisogna trovare soluzioni alternative.

Se decidete di affrontare questo mercato dovete capire che ci vuole Tempo.

Tempo per organizzare,tempo per farsi conoscere,tempo per la burocrazia, e tempo da investire sul campo.

Se non avete tutto questo tempo dovete trovare qualcuno che impieghi il suo tempo per Voi.

Il problema e ' sempre trovare qualcuno di cui fidarsi

Se ritenete il vostro prodotto unico al Mondo forse potete restare nel vostro comodo ufficio e aspettare in bonifico del compratore della vostra vita. (Come dicono i Russi "Sognare non fa male"quindi continuate a sognare)

Se non siete sognatori analizzate il mercato trovate i vostri concorrenti e cercate di capire le differenze ( prezzo, qualita' servizio) se voi siete siete migliori almeno in 2/3 allora fate un piano e decidete i tempi, gli investimenti e le risorse umane che avete a disposizione e sopratutto siate sinceri con voi stessi e domandatevi cosa vi aspettate tra 3/6/9/12 mesi.

Il mercato della Federazione Russa e' cambiato moltissimo in questi anni e continua a cambiare velocemente quindi da parte vostra ci vuole velocita' nelle decisioni,e nei cambiamenti improvvisi di rotta bisogna essere pronti a reagire subito.

Se il vostro prodotto necessita assistenza non pensate di risolvere tutto con internet. Il cliente Russo preferisce sempre l'azienda con presenza sul territorio dove trovare assistenza e ricambi.

Un ufficio o Showroom o magazzino sono un buon piano di investimento per entrare seriamente nel Mercato.

Per le piccole imprese sopratutto artigianali la spesa potrebbe essere superiore alle possibilita quindi Io continuo a ripetere a tutti di unire le forze e presentarvi in gruppo e dividere i costi.

Putroppo le Regioni Italiane sono troppo Politicizzate per poter fare gli interessi delle piccole aziende.

Autore
Roberto Bruno


Al Popolo Russo piace Leggere leggono tutto libri, ricette, giornali, sono molto informati.
Leggono istruzioni manuali cose che Noi Italiani spesso diamo per scontate e non leggiamo.
Qualsiasi cosa nuova che stimola il loro interesse loro cercano dati e notizie si informano e poi Ti chiedono cosi capiscono se sei preparato.

Amano La cucina Italiana, leggono ricette e preferiscono quelle dettagliate dove i grammi degli ingredienti sono precisi dove procedure e tempi di cottura sono precisi.

Eseguono tutta la ricetta per filo e per segno ma spesso subentra l'iniziativa Russa che per motivi economici o per motivi di irreperibilita' sostituiscono ingredienti e il risultato finale e' ovviamente alla Russa.

Amano viaggiare si spostano spesso non hanno paura di nulla.(guerre, terremoti,uragani, malattie) hanno solo paura di finire i soldi o il visto e dover tornare a casa.
La vacanza all'estero per un Russo e' diventata ormai uno stile di vita che li spinge sempre piu lotano dalla loro casa sono praticamente d'appertutto. In Italia vengono spesso sopratutto le Donne. poi molti vogliono restare e non tornare e cercano di trovare o inventarsi un lavoro che permetta loro di restare nel nostro bel Paese. In Italia ad oggi registrati ufficialmente ci sono 7206 Uomini Russi contro 31242 Donne Russe.

Si spostano spesso non amano stare fermi nello stesso posto vogliono vedere piu posti in breve tempo.

Se volete ospitare i Russi nel vostro Albergo,Ristorante o Azienda dove comportarvi come Veri Italiani ospitali come se fossero vostri parenti questo perche' la loro diffidenza e la difficile comunicazione a volte non agevola il primo approccio.

Autore
Roberto Bruno